Solo: A Star Wars Story, una rischiosa alle origini del mito

<
[Voti: 1    Media Voto: 4/5]

Un film di Star Wars è sempre stato un evento  cinematografico importantissimo, si pensi all’esplosione che fu Una Nuova Speranza nel lontano 1977 (ben 775 milioni di dollari incassati nel mondo). L’intento di Lucas era quello di fare una favola per giovani più che per famiglie (almeno con il primo film). Pochi si sarebbero immaginati quello che sarebbe diventato Star Wars in futuro e cioè una delle saghe più importanti della storia del cinema e non solo. Tornando al discorso iniziale,  La Minaccia Fantasma nel 1999 ripete quell’esplosione a distanza di sedici anni dal Ritorno dello Jedi (1983) incassando 924.317.558 di dollari. La cosiddetta trilogia prequel fu duramente contestata da pubblico e critica ma si concluse nel migliore dei modi con quel gioiello che è La Vendetta dei Sith (2005). A distanza di dieci anni e con l’acquisizione della LucasFilm da parte della Disney esce Il Risveglio della Forza ed è il terzo migliore incasso non solo dell’anno ma dell’intera storia del cinema guadagnando globalmente ben 2 miliardi dollari. Questa premessa per dire che l’attesa aumenta in maniera spasmodica l’hype per un film, specialmente per saghe come Star Wars che sono amatissime da praticamente chiunque. Con l’acquisizione della Lucas Film le cose sono un po’ cambiate e Star Wars diventa, anche in ambito cinematografico un prodotto seriale la cui programmazione occupa (al pari del MCU) ogni anno da qui per i prossimi dieci anni. Chiariamoci, le storie che si possono raccontare sono potenzialmente infinite all’interno di questo universo. Ciò che Star Wars non sarà più è l’essere un evento, si può dire che sia stato normalizzato. Nel momento in cui scrivo la nuova trilogia con protagonisti Rey e Kylo Ren si alterna ad altri prodotti sottotitolati  A Star Wars Story, cioè film che vanno ad amplificare momenti e situazioni che fino ad allora erano stati un po’ nebbiosi e considerati pecche anche dai fan. Rogue One, uscito nel 2016 per la regia di Gareth Edwards, si preoccupa di giustificare il motivo per cui la Morte Nera avesse quel punto debole. In procinto di uscire è invece Solo, uno spinoff dedicato ad uno dei personaggi più iconici ed amati dell’intera saga. Il progetto ha subito notevoli problemi durante la fase delle riprese tanto è che prima è stato sostituito il montatore Chris Dickens con Pietro Scaila. Inoltre la Lucas Film insistette per far seguire Ehrenreich (l’attore protagonista) da un acting coach poiché non erano soddisfatti della sua performance. Inoltre come ciliegina sulla torta, a progetto già bello che inoltrato furono licenziati i due registi Lord e Miller. A sostituirli furono presi in considerazione Ron Howard e Joe Johnston ma alla fine il primo ebbe l’onore di continuare il progetto dei due registi. Il progetto si prese una pausa per visionare il materiale già girato e per decidere come e dove cambiare. Capite benissimo che il compito di Howard non deve essere stato affatto semplice in quanto il suo modo di fare cinema è lontano anni luce da quello dei due registi precedenti. Inoltre al film non è stata fatta una campagna promozionale in pompa magna come con i precedenti (fatti uscire a Natale) ma bensì relegato alle porte dell’estate il 23 Maggio quasi a definire la sua condizione di “pietra dello scandalo”. Chiaramente speriamo non sia così, la critica americana lo ha elogiato mentre a Cannes dove è stato proiettato è stato accolto tiepidamente. I fan di Star Wars inoltre sono già sul piede di guerra nei social e nei siti di rating come IMBD andando a distribuire voti completamente a caso tanto per il gusto di rovinare la media di un prodotto. Il 23 Maggio è alle porte comunque e il progetto, nonostante la produzione travagliata (anche se a confronto del Don Quixote di Gilliam è stato come bere un bicchier d’acqua) desta comunque di una certa curiosità. E anche se non sarà più un evento di proporzioni bibliche Star Wars è sempre Star Wars e il fascino che ha sul pubblico difficilmente smetterà di fare presa.

Leave a Comment

Your email address will not be published.