After Life

 

Di Valerio Sembianza 

After Life è una serie televisiva britannica del 2019 creata, diretta e prodotta da Ricky Gervais.

La prima stagione, composta da 6 episodi, è stata distribuita da Netflix l’8 marzo 2019, in tutti i paesi in cui è disponibile.

After Life è esageratamente difficile da definire.

È a volte scandaloso, edificante, risoluto, triste, esilarante e arrabbiato.

Per lo più, è un esercizio di malinconia……

Ricky Gervais interpreta Tony, un uomo di mezza età scontroso, maleducato e suicida.

Perché è in questo stato? Sua moglie è morta, ecco perché.

Quando lo incontriamo per la prima volta, Tony sta guardando il video che sua moglie Lisa (Kerry Godliman) ha fatto per lui prima di morire.

Lei gli dà istruzioni dettagliate sulle cose di tutti i giorni, come dare da mangiare al cane e come usare la lavastoviglie.

Lo fa perché, come lei gli dice, è decente ma senza speranza con le cose di tutti i giorni.

Lei gli dice anche di non soffrire molto, ma di andare avanti con la vita e amare il tempo che hanno passato insieme.

Ma Tony ignora tutto ciò che lei gli dice.

Va oltre l’essere senza speranza, e cede alla disperazione; il suo motto è  “Non c’è alcun vantaggio nell’essere gentili e premurosi.”

Discute con tutti, dalla prima persona che incontra durante il giorno all’ultima persona con cui parla durante la notte.

Questo è un inconveniente, dal momento che lavora come giornalista in un giornale di provincia ed è professionalmente obbligato a essere, se non allegro, almeno interessato alle altre persone.

La commedia deriva inizialmente dalle sue invettive e dagli insulti.

E in parte ciò che Gervais sta facendo qui è satirizzare un certo tipo di commedia britannica.

La città immaginaria di Tambury sembra l’ambientazione di migliaia di serie britanniche e le persone che incontra mentre lavorano per The Tambury Gazette sono personaggi d’innumerevoli altre serie.

Ciò che è diverso qui è che Gervais sta scatenando il suo disprezzo sfrenato sulla gente, sulla città e su un intero stile di vita.

After Life deluderà coloro che si aspettano uno show a tutto tondo di Gervais perché ad un certo punto l’intera serie cambia rotta.

Una storia dura e cattiva con un centro morbido.

Tony continua a vedere il suo vecchio padre (interpretato da David Bradley ) è anziano e malato di mente. Lo fa per due motivi.

In primo luogo, suo padre pensa che la moglie di Tony sia ancora viva e continua a menzionarla, secondo, Tony cerca continuamente di sghignazzare con l’infermiera (Ashley Jensen) che si prende cura del vecchio.

Fino a che, durante una visita, lei gli si rivolta contro: “Sei come un troll su Twitter. Solo perché sei sconvolto, significa che tutti gli altri devono sentirsi sconvolti. ”

Potrebbe sembrare poco plausibile che questa reazione cambi effettivamente la prospettiva di Tony.

Una buona dose di After Life non è plausibile.

È una creazione unica, che oscilla selvaggiamente dalle inaudite concessioni di Gervais al dolore straziante a una visione assolutamente benevola della vita verso il rifiuto della negatività e della crudeltà.

È divertente, sincero e, anche quando sale dall’acidità alla dolcezza, è incredibilmente malinconico.

Come lo è la maggior parte della nostra vita ordinaria.

 

 

 

 

 

 

Leave a Comment

Your email address will not be published.