Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!

Commuovono le dichiarazioni di Marcello Fonte, miglior attore a Cannes. Ex Aequo per la miglior sceneggiatura a Rohrwacher e Panahi

<
[Voti: 1    Media Voto: 5/5]

E’ tempo di trarre un po’ le conclusioni sulla 71/a edizione del Festival di Cannes. Certo vedendo i pronostici  l’Italia, con rappresentanti Dogman di Matteo Garrone e Lazzaro Felice di Alice Rohrwacher, poteva contare su due film magnificamente accolti in sala. Quindi era lecito aspettarsi dei premi. E così è stato, il premio miglior attore maschile è andato a Marcello Fonte, protagonista di Dogman. Mi vorrei soffermare un attimo sulle sue dichiarazioni che sono estremamente commoventi soprattutto se si contestualizzano: ‘Da piccolo quando ero a casa mia e pioveva solo le lamiere chiudevo gli occhi e mi sembrava di sentire gli applausi adesso è vero ed è come essere in famiglia‘”. Il cinema come famiglia. Parole estremamente commoventi per un attore che ha saputo portare su schermo un personaggio non facile ma a cui ha restituito umanità e profondità. Alice Rohrwacher con Lazzaro Felice  vince la miglior sceneggiatura, ex aequo con Jafar Panahi di Three Faces. Premiato anche il film di Godard, Le Livre d’Image con una palma d’oro tutta speciale. Il Grand Prix l’o ha ottenuto Spike Lee con il suo Blackkklansman, mentre Affare di Famiglia di Koreeda vince la 71/a Palma d’Oro.

 

 

 

 

 

 

 

Leave a Comment

Your email address will not be published.