Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!

Dark

<
[Voti: 0    Media Voto: 0/5]

Di Valerio Sembianza

Dark, conosciuta anche come I Segreti di Winden, è una serie televisiva tedesca del 2017 di genere drammatico, thriller e fantascientifico, creata da Baran bo Odar e Jantje Friese.

La prima stagione è uscita il 1º dicembre 2017 in tutti i paesi in cui il servizio video on demand Netflix è disponibile, anche nel formato 4K.

E se tutto ciò che proviene dal passato fosse in realtà influenzato dal futuro?

Questa è la premessa principale dell’horror fantascientifico di Netflix,che è stato considerato l’omologo tedesco di Stranger Things.

Mentre i due spettacoli sono in realtà animali completamente diversi, il paragone viene comunque facile da proporre.

Dark coinvolge un cast di ragazzi disadattati e talentuosi, c’è molta nostalgia degli anni ’80 e un ragazzo svanisce dal nulla.

Ma al posto di uno strano laboratorio troviamo una centrale nucleare adiacente a un tunnel tortuoso di caverne piene di segreti.

Quindi se hai amato Stranger Things, sicuramente adorerai Dark.

Ma le somiglianze finiscono qui.

Perché Dark si dimostra fin dall’inizio oscuro, davvero oscuro, senza nessun sollievo di parti di commedia per risollevare il morale dei personaggi e finanche dello spettatore.

La prima serie in lingua tedesca di Netflix si apre a Winden nel 2019 quando Jonas (Louis Hofmann) si occupa del suicidio di suo padre e dell’improvvisa scomparsa del suo amico Erik. Quando lui e i suoi amici vanno a caccia nei boschi per cercare la scorta di droghe di Erik, anche Mikkel (Daan Lennard Liebrenz), il dodicenne figlio del poliziotto Ulrich Nielsen, scompare.

Questa circostanza è fin troppo familiare per Ulrich (Oliver Masucci), il cui fratello minore è scomparso nelle stesse circostanze esattamente trentatré anni prima.

Presto, il resto della città sarà colpito dallo stesso caso di deja vu.

Il che ci riporta al tema generale della serie: il viaggio nel tempo.

La domanda centrale diventa non tanto dove sia Mikkel, ma piuttosto “quando”.

Man mano che la ricerca di Mikkel diventa più intensa, anche le varie famiglie coinvolte passeranno attraverso i segreti per mantenere altri segreti e soprattutto le celate doppie vite che vengono condotte.

Ognuno dei dieci episodi rivela una nuova relazione sovrapposta, che aggroviglia una rete di bugie già piuttosto intricata.

Questo rende lo spettacolo impossibile da mettere in pausa, con ogni episodio che termina con un cliffhanger o una svolta.

La parte più complicata di Dark è quella di cercare di tenere traccia di chi è chi.

La storia segue quattro generazioni di quattro famiglie, con molti dei personaggi interpretati da tre attori separati mentre lo spettacolo viaggia fino al 1986 e il 1953.

La serie può sembrare un raccapricciante Ritorno al futuro misto a X-Files e Twin Peaks.

Dark è uno di quegli spettacoli che rimane con te per molto tempo dopo aver finito la visione.

Ti farà dubitare di quanta libertà avrai sulla tua vita e quale ruolo gioca il destino nel tempo e nello spazio.

E per fortuna, le nostre domande scottanti avranno una risposta.

La serie è stata già messa in cantiere per una seconda stagione.

 

 

 

Leave a Comment

Your email address will not be published.