12.6 C
Napoli
28 Marzo, 2020
Netflix Serie tv

Dion (Raising Dion) – La Recensione

Dion (Raising Dion) è una serie televisiva statunitense di fantascienza creata da Carol Barbee e Dennis A. Liu.
È basata sull’omonimo fumetto del 2015 dello stesso Liu, la prima stagione, composta da nove episodi, è stata distribuita da Netflix il 4 ottobre 2019, in tutti i paesi in cui è disponibile.
La serie racconta la storia di una donna di nome Nicole Reese, che alleva suo figlio Dion dopo la morte del marito Mark. I normali drammi di crescere un figlio come una madre single vengono amplificati quando Dion inizia a manifestare diversi poteri magici, simili a quelli dei supereroi.
La fantascienza è un genere che Netflix continua a cavalcare sapientemente e con la sua ultima serie originale Raising Dion , lo streamer tenta di fondere una storia per famiglie sulla scoperta da parte di un bambino della propria identità e delle proprie abilità con un’esplorazione a tutto tondo del dolore e dell’avidità.
La serie di nove episodi, basata sul fumetto di Dennis Liu, segue Dion (Ja’Siah Young) un ragazzino di otto anni e sua madre Nicole (Alisha Wainwright) mentre il ragazzo scopre di avere dei superpoteri.
L’idea intrigante appare subito nel presentare la maggior parte della storia attraverso gli occhi del genitore.
C’è un puzzle che si presenta proprio sotto la storia di superficie.
Sì, è carino vedere Dion precoce che usa la sua mente per far galleggiare i suoi Lego e i cereali per la colazione.Ma c’è una componente scientifica che allude a qualcosa di più sinistro in gioco.
Si scopre che un’anomalia meteorologica, che prende la forma di un gigantesco fulmine, è stata avvistata in varie località del mondo.
Il lavoro scientifico di Mark (il padre scomparso di Dio) presso Biona, una grande azienda che lavora per combattere gli effetti dei cambiamenti climatici in tutto il mondo – tra gli altri progetti di laboratorio segreti – sembra essere la chiave. Mantenere Dion al sicuro è davvero la priorità numero uno di Nicole, ma dalla morte di Mark, la sua vita pubblica è stata un caos. Non è stata in grado di mantenere un lavoro stabile, la sua vita sociale è una barzelletta e sua sorella è preoccupata che potrebbe davvero perdere la testa.
. Le cose sono altrettanto complicate per Dion a scuola. Sa che è diverso, ma cerca comunque di adattarsi. Aggiungendo però le sue abilità di telecinesi, teletrasporto, e la guarigione, è facile capire il suo entusiasmo nel condividere questi doni con i suoi amici. Ma, come ci si aspetterebbe, non gli credono e viene schiacciato subito sotto il peso del ridicolo e del bullismo.
Ci sono un certo numero di parti mobili in Raising Dion che funzionano: la spinta di Nicole a raccogliere i pezzi della sua vita in frantumi e proteggere suo figlio; il mistero scientifico dietro la morte di Mark; la tempesta spaziale soprannaturale che ha trasferito abilità sovrumane a curiosi inconsapevoli.
Detto questo, ci sono dei punti in tutta la serie in cui le cose sembrano affrettate. Trovare il giusto equilibrio tra tutte queste componenti della storia è una sfida narrativa, e sembra che Raising Dion salti il segno qua e là.
Raising Dion è comunque un intrattenimento per famiglie con un margine sufficiente per attirare tutto il pubblico. Nel disordinato paesaggio di supereroi, in cui Marvel e DC continuano a dominare il piccolo schermo, la storia generale di Liu è una ventata di aria fresca.

Valerio Sembianza

Related posts

The Punisher

giubors

12 Monkeys

giubors

Netflix – Qualcuno Salvi Il Natale: dal creatore di Harry Potter e la pietra filosofale e Mamma, ho perso l’aereo una meravigliosa avventura natalizia

giubors

Leave a Comment