24.4 C
Napoli
Maggio 11, 2021
Film Netflix

Elegia americana su Netflix

Quando hai attrici carismatiche come Amy Adams e Glenn Close in un film diretto da Ron Howard, pensi di avere sottomano qualcosa di eccezionale.

Elegia Americana purtroppo deluderà quest’aspettativa perché risulterà un film melodrammatico, triste e povero di contenuti.

Apparentemente un’esplorazione delle difficoltà degli americani della classe operaia bianca attraverso il prisma di un dramma familiare, “Hillbilly Elegy” cade nella trappola di essere immensamente scoraggiante.

Come si sfugge alla propria educazione? Per molti, è la versione americana del “racconto vecchio come il tempo”. La storia si ripete, come un disco rotto bloccato su una parte particolarmente fastidiosa del ritornello. Suona vero per quasi tutte le comunità socioeconomiche.

Basato su un libro di memorie di un laureato in giurisprudenza della marina e di Yale, “Hillbilly Elegy” racconta la storia di uno di questi gruppi, la “gente di collina” scozzese-irlandese degli Appalachi, privati ​​dei diritti civili a causa delle industrie che lasciano il sud e il Midwest per risparmiare sulla produzione. Sono lasciati con povertà, alcolismo, abuso di droghe, violenza e cinismo puro e non diluito.

Questo è il gruppo di cui si parla spesso come la vittoria di Trump alle elezioni nel 2016: comunità bianche, povere di classi medio-basse che lottano per il lavoro, per i soldi, per la vita che una volta erano loro assegnate.

Il nostro protagonista JD (Gabriel Basso) è riuscito a tirarsene fuori andando a Yale dove sta facendo un colloquio per stage estivi presso uno studio legale.

Ha fatto molta strada, ma non è ancora fuori dai proverbiali boschi.

Sopravvive alla scuola di legge lavorando nel poco tempo libero che ha.

Il denaro è una lotta oraria e, come per molti, ma soprattutto per un ragazzo di Rust Belt in Ohio, si sente come un pesce arenato sulla riva.

Non sa quali forchette usare nei ristoranti alla moda e non riesce a tenere il passo con quelli intorno a lui che sono cresciuti in condizioni migliori.

Sebbene abbia il sostegno della sua ragazza Usha (Freida Pinto), c’è qualcosa in cui lei non può aiutarlo, una parte della sua vita che ha scelto di lasciarsi alle spalle a Middletown, Ohio.

Glenn Close interpreta la nonna di JD, la matriarca della famiglia e certamente la centrale elettrica in un film pieno di parafulmini; gli altri sono al suo servizio, mettendo a terra la sua energia elettrica, selvaggia, seduttiva.

La Close, nota per la sua incredibile profondità di attrice, si trasforma completamente per il ruolo, indossando protesi elaborate e trascorrendo ore al trucco per ottenere l’aspetto esatto della vita reale di Mamaw Vance.

Ed è la fierezza di Glenn Close nei panni della nonna degli Appalachi e la sua volontà di tuffarsi a capofitto nella parte che conquista il pubblico.

Lei, insieme ad Amy Adams che interpreta la madre tossicodipendente di JD, sono il cuore del film, l’impulso con cui restiamo in contatto con la storia.

Il film fluttua tra il presente e il passato con una natura spontanea e stilizzata, ma pur sempre organica, caratteristica di un film di Ron Howard.

C’è un’umanità che Howard e la scrittrice Vanessa Taylor infondono in scene che possono essere, per gran parte del film, frustranti e strazianti con i loro infiniti cicli di problemi di salute mentale e abusi fisici e verbali.

Basato sul libro di memorie di JD Vance, il film è consapevole di non guardare mai dall’alto in basso i suoi soggetti. Non devono essere compatiti, e sebbene JD finisca quasi per litigare per l’uso improprio della parola “redneck”, “hillbilly” è un termine affettuoso per un gruppo che lo indossa con orgoglio.

Il film a volte sembra certamente eccessivamente drammatico e non ci sono molte lezioni da imparare.

Nessuna rivelazione del quadro generale, tranne, forse, che mentre l’America è andata avanti, queste persone sono state lasciate indietro.

Non c’è alcuna sfumatura nell’esame di classe di Elegia Americana, soprattutto quando il suo finale spinge alla credenza fallace che tirare la cinghia sia tutto ciò che serve per sfuggire a generazioni di svantaggio.

Non c’è spazio per molto altro.

Valerio Sembianza

Eccovi il trailer

 

 

 

 

 

Related posts

Un amico strordinario – Tom Hanks nel primo trailer italiano, al cinema dal 2020 diretto da Marielle Heller

giubors

Roma: viaggio nell’Amarcord di Cuaron

giubors

Northern Rescue 

giubors

Leave a Comment