8.2 C
Napoli
Aprile 15, 2021
Film Netflix News Serie tv

Emily in Paris – Una serie tv da non perdere

Alla fine di Emily in Paris di Netflix, la nuova serie comica del creatore di Sex and the City, Darren Star, Emily (Lily Collins), la titolare americana espatriata, cerca di dare a se stessa un controllo della realtà sulla sua nuova casa: “È solo Parigi”, dice, “Non è un universo alternativo in cui le regole non si applicano.”

In realtà Emily fa vivere in un universo alternativo, quello costruita da Darren Star, per il suo primo protagonista Millenial.

Il produttore 59enne è ipnotizzato da questa generazione già da un po’di tempo: non pensa a loro come a una generazione ma come a uno “stato d’animo”, ha detto a Indiewire nel 2015.

In quell’intervista, ha paragonato i Millennials a una lingua straniera, un sistema che le generazioni più anziane “possono imparare a parlare correntemente”.

Con Emily, porta questa idea ancora oltre: essere un Millennial non è solo una lingua straniera, ma una fantasia.

La serie di dieci episodi ritrae Emily, una dirigente del marketing di Chicago, come un pesce fuor d’acqua non solo perché è un’americana che non parla francese, ma anche perché è un’influencer la cui vita fuori campo rispecchia la vita che pubblica sui social.

Certo, la vita di Carrie Bradshaw era altrettanto elegante e ambiziosa, ma attraverso lei e le sue amiche, Star ha esplorato ciò che la Generazione X doveva affrontare quando si trattava di relazioni all’inizio del secolo.

La vita di Emily, d’altra parte, assomiglia a malapena alla realtà.

Inizialmente abbiamo un approccio piuttosto stridente; Emily è il tipo di americana che arriva a Parigi con indosso un berretto e aspetta una stanza con vista sulla Torre Eiffel.

Non ha aiutato il fatto che Emily non abbia mai a che fare con qualcosa di realmente gravoso.

Eppure c’è anche qualcosa di attraente nell’improbabile stile di vita di Emily e nell’allergia di Star al conflitto.

Il produttore non si spinge mai troppo lontano o si muove troppo alla leggera con qualsiasi elemento della serie. La storia è saponosa, ma non eccessivamente drammatica. Le battute sono sessuali, ma non osé. I colleghi francesi di Emily sono critici, ma non appassiscono. Ma per quanto odioso possa essere il comportamento di Emily, il caos dell’interpretazione priva di senso di Parigi alla fine diventa avvincente. In effetti, dopo alcuni episodi, si trova lo spettacolo persino confortante, perché si sa esattamente cosa aspettarsi: abiti strabilianti, giochi di parole stupidi, scatti pittoreschi di Parigi e assolutamente zero tensione emotiva.

Emily è una Millennial che è anche un’ottimista seriale senza preoccupazioni, un mix così soprannaturale nel panorama televisivo di oggi che non si può che fare il tifo per il suo idealismo.

Emily in Paris mescola molteplici fantasie. 

C’è la fantasia di un perfetto equilibrio tra lavoro e vita privata: Emily non si lamenta mai di avere un lavoro che influisce sulla sua vita sociale, anzi si ritrae la sua capacità di trovare ispirazione per le presentazioni attraverso le sue avventure in giro per la città come il suo superpotere di outsider.

C’è anche la fantasia del successo senza rischi: Emily crea un seguito su Instagram, ma a un certo punto cancella e riavvia l’account senza perdere un solo fan.

C’è la fantasia dell’indifferenza.

E forse questa è l’ultima fantasia di Emily: la tranquillità. Star ha dato a Emily uno stile di vita di beata irrealtà e si è concesso il privilegio di fare a meno delle questioni della vita reale. 

Emily in Paris è una confezione, una serie così affascinante e fantasiosa che diventa impermeabile allo snobismo e al cinismo. 

Star ha servito je ne sais quoi in un pacchetto scintillante, un vassoio di macarons disposto ordinatamente in una vetrina, ogni episodio fornisce un boccone di arioso piacere. 

Emily in Paris funziona come una pubblicità di profumi di fascia alta: cinematografica negli sguardi, bassa posta in gioco e in qualche modo così stranamente accattivante che non puoi distogliere lo sguardo.

Valerio Sembianza

Eccovi il Trailer in Italiano

 

 

 

Related posts

Netflix conferma la seconda stagione di ELITE

giubors

STAR WARS: THE RISE OF SKYWALKER – LE PRIME IMMAGINI PRESENTATE ALLA STAR WARS CELEBRATION

giubors

Unbelievable 

giubors

Leave a Comment