27.2 C
Napoli
Agosto 2, 2021
Uncategorized

Firefly Lane (L’estate in cui imparammo a volare)

Katherine Heigl ci porta in un viaggio epico in Firefly Lane (L’estate  in cui imparammo a volare), la nuova serie tentacolare e stranamente soddisfacente di Netflix, un dramma che segue gli amori e le vite di due migliori amiche, basato sul romanzo di Kristin Hannah.

La serie si estende su dieci episodi della durata di quasi dieci ore che sembrano tre volte quella durata, ma non lo dico in modo negativo, davvero.

Firefly Lane è, adattandosi alle sue origini, veramente romanzesco, denso e lungo decenni, pieno di colpi di scena e richiami e persino misterioso.

È uno spettacolo sorprendentemente completo e un po’ estenuante.

Dopo i primi due episodi, la storia sembra richiedere un investimento maggiore di attenzione rispetto a quello che ci si poteva aspettare; ci si deve tuffare, trascorrendo otto ore dilatate a dimorare nelle vite di Tully (Heigl) e Kate (Sarah Chalke), migliori amiche dai tempi del liceo.

La serie, creata da Maggie Friedman, copre un arco di tempo dalla fine degli anni ’70 fino al 2003, quando Tully persegue le sue ambizioni di giornalista televisiva nel vivace centro multimediale di Seattle e Kate la insegue, sperando di diventare una giornalista ma tendendo principalmente alle aspirazioni della sua migliore amica.

Anche Tully e Kate, ovviamente, incontrano uomini e s’innamorano, se ne perdono, tradiscono, flirtano, divorziano, si riconciliano.

C’è un sacco di tempo ed eventi da coprire e scoprire, e Firefly Lane si diverte in questa lunga distesa, tagliando tra le epoche della vita delle donne con verve a ruota libera.

Nella maggior parte degli episodi, facciamo avanti e indietro dalle ragazze adolescenti degli anni ’70, a studenti universitari o neolaureati negli anni ’80, agli adulti nel 2003.

Un quarto lasso temporale entra in gioco con lo svolgersi della stagione, una data più vicina al nostro presente laddove c’è stata una morte.

Inizialmente non sappiamo di chi, il che fornisce il vago quadro d’intrighi della prima stagione. 

Ma l’eventuale rivelazione è una delusione, una scappatoia usata principalmente per organizzare una futura seconda stagione.

Perché la prima stagione fa praticamente tutto: nascita, morte, dipendenza, problemi genitoriali, stress professionali, coming out.

Qualcuno viene colpito; c’è una violenza sessuale, un aborto spontaneo, una brutta macchia di un articolo di una rivista.

Nel 2003, Tully è diventata una conduttrice di talk show di fama nazionale, terza solo a Oprah ed Ellen, il che crea l’opportunità per alcune cose del backstage dello spettacolo, coinvolgendo produttori impiccioni e dolori di fama e ricchezza. 

La serie continua a ribollire e ribollire, rischiando la noia. 

Tuttavia Firefly Lane continua a prenderti grazie alla sua strana miscela di toni, alla sua impavidità nel gettare tutto tranne la cucina nel mix e soprattutto grazie al suo uso, insidiosamente efficace, di canzoni di ritorno al passato per sottolineare un’emozionante momento.

La serie è coinvolgente come un libro succoso letto rannicchiato su un divano malandato, un oggetto trovato a caso sullo scaffale e aperto solo per passare il tempo fino a quando non diventa qualcosa di più: una passione genuina, anche se mite.

Questo a volte è il modo migliore per infilarsi in un libro o in una serie TV, senza aspettative ma una crescente disponibilità a perdersi nella sua traiettoria.

L’intera prima stagione si dimostra un intrattenimento robusto e guardarlo nella sua interezza sembra davvero un grande viaggio nel tempo, pieno di eventi e retroscena come un soggiorno ben imbottito.

Se stai cercando uno spettacolo di cui ridere ironicamente, Firefly Lane potrebbe graffiare quel piccolo e sgradevole prurito.

 

Valerio Sembianza

Eccovi il Trailer

Related posts

Questa sera in tv

giubors

Guida Tv

giubors

Guida Tv

giubors

Leave a Comment