14.3 C
Napoli
Marzo 6, 2021
News News su Disneyland Paris Recensioni Serie tv

La seconda stagione di The Mandalorian cerca speranza in una galassia ferita

In seguito alla ricerca del cacciatore di taglie Din Djarin per portare il suo giovane Grogu, simile a Yoda, alla salvezza e alla corte di uno Jedi, questo spin-off seriale di Star Wars si avventura in un mondo più duro e oscuro di quanto ci abbia offerto nella sua prima stagione.

Se c’è una cosa che ha sempre caratterizzato la saga di Star Wars è il melodramma.

La saga è imperniata su relazioni familiari e grandi emozioni, esplorando le paure di Luke Skywalker di trasformarsi in suo padre nella trilogia originale e ha adottato narrazioni familiari nei sequel più recenti.

The Mandalorian, il primo spin-off televisivo del franchise, ha ereditato questi tratti e si concentra sull’inaspettata relazione genitore-figlio tra il cacciatore di taglie Din Djarin (Pedro Pascal) e Grogu, un piccolo “Baby Yoda”.

Nel disperato tentativo di salvare Grogu dalle forze in declino dell’Impero, che sono ugualmente determinate a catturare il piccolo, Djarin ha trascorso la prima stagione a combattere costantemente per mantenerlo al sicuro.

La seconda stagione scarica gli spettatori senza tante cerimonie in una galassia sull’orlo del declino industriale.

Le partiture stridule e inquietanti di Ludwig Göransson pulsano e graffiano come catene trascinate sul ferro arrugginito; i droidi martellano contro le porte blindate e il suono di un bastone rimbomba nel terreno.

Dalle armature alle colonie penali di rottami, dalle armi mandaloriane alle navi post-imperiali, c’è un sapore metallico che si può quasi sentire quando si guarda lo schermo.

È come se The Mandalorian fosse ambientato durante l’equivalente intergalattico del crollo dell’industria siderurgica, tra le comunità minerarie e manifatturiere devastate dalle ultime vestigia del dominio imperiale.

Crea un’estetica desolante che allontana lo spettacolo dalla stravaganza di successo dei film della seconda trilogia.

L’aspetto fatiscente vissuto tipico di Star Wars è leggendario, ma nei film c’è una qualità da bambino che gioca nel fango.

In confronto questo spettacolo è molto più sporco, come tornare dal pub ammaccato e malconcio con il sangue di qualcun altro sulla tua maglietta.

I prigionieri vengono fulminati in pubbliche manifestazioni di tortura e il neonato Grogu viene rapito e ammanettato, dove Gli Ultimi Jedi ci hanno dato “creature di cristallo” sotto forma di volpi di ghiaccio, The Mandalorian ci regala sciami di ragni di cristallo.

E mentre Djarin e Grogu cercano di localizzare gli Jedi, la terra bruciata e gli scarni resti di mondi colonizzati da combattenti sia imperiali che ribelli aggiungono ombra al binario chiaro / oscuro che il franchise ha promosso in passato perché grazie alla narrazione episodica dello show c’è spazio per complicare le narrazioni sul bene contro il male e immergersi in dibattiti etici.

Se c’è uno svantaggio in The Mandalorian è la natura ripetitiva della narrazione, per cui Djarin si imbarca in una ricerca, chiede favori alle persone che incontra lungo la strada, affronta il pericolo e si avvicina al suo obiettivo.

Mentre la stagione 1 a volte ha faticato a mantenere un arco coerente, tuttavia, la stagione 2 ha una spinta narrativa più alta che crea slancio in modo più efficace e con il suo uso della proiezione (schermi LED proiettano i vari ambienti sul set in modo che gli artisti siano virtualmente sul posto) e il ritmo lento, sembra un vecchio serial della domenica pomeriggio, il che non è male.

Anche il rapporto tra Djarin e Grogu è avvincente, con la forza del loro legame che si gioca in un sottile gioco di cenni, sguardi mascherati e le orecchie emotivamente espressive del piccolo.

È una testimonianza dell’abilità di Pedro Pascal che comunica così tanto con così poco: mentre Djarin si sposta inavvertitamente più lontano attraverso il terreno della scoperta di sé, sentiamo la sua fede dogmatica nel credo di Mandalore (“Questa è la via”) lasciare il posto alla rassegnazione.

È rivelatore come il suo ultimo sacrificio per Grogu: rimuovere la sua maschera.

Sullo schermo la seconda stagione esce combattendo e, sebbene la galassia possa essere lontana, ci sono molti momenti che portano lo spettacolo più vicino a casa. Guardare Grogu che fissa un monitor nell’episodio finale, allungando la mano sul vetro per stabilire una connessione con l’immagine oltre lo schermo, è sicuramente riconoscibile per molti di noi mentre ci avviciniamo alla fine del 2020.

È un momento, letteralmente, toccante.

Valerio Sembianza

Eccovi il trailer

 

 

Related posts

Paola Turci: “Viva da morire” è il nuovo singolo disponibilie da oggi negli store digitali e dall’8 marzo in radio.

giubors

FILM IN FASE 2 – IL MASSACRO DI FORT APACHE (1948)

giubors

E’stato ufficializzato il programma della 41°Edizione delle Giornate Professionali di Cinema

giubors

Leave a Comment