14 C
Napoli
Novembre 28, 2020
Serie tv

Little Fires Everywhere

Little Fires Everywhere è una miniserie televisiva tratta dal romanzo omonimo del 2017 di Celeste Ng.

È ambientata a Shaker Heights, un sobborgo di Cleveland, Ohio, alla fine degli anni 90 e presenta Reese Witherspoon e Kerry Washington come madri di diversa estrazione socioeconomica.

La linea sottile e sfocata tra razzismo e classismo, tra il disprezzo o il riguardo verso non si sa bene cosa, la povertà o la diversa etnia, viene discussa raramente.

Questo è forse l’argomento più scontato che porta in tavola Little Fires Everywhere potente e prestigiosa serie visibile su Amazon Prime Video.

La serie di otto episodi inizia con Elena (R.Witherspoon) e la sua famiglia che guardano la loro casa bruciare.

Qualcuno ha dato fuoco alla loro casa con loro dentro in un incendio causato da “piccoli fuochi ovunque”.

Dopo quella scena siamo sbalzati quattro mesi nel passato per vedere gli eventi che hanno portato a questa tragedia.

Così, nel primo episodio, incontriamo la famiglia di Elena, ricca, perfetta, con quattro figli e un buon marito (Joshua Jackson). 

La trama inizia quando decide di affittare una casa di sua proprietà a Mia Warren (K.Washington), un’artista e sua figlia Pearl (Lexi Underwood) che per lavoro vanno da un posto all’altro e dormono nella loro macchina.

La serie esplora il rapporto tra le due famiglie, il modo di vivere che conducono e il modo in cui crescono i loro figli, il tutto con una luce sia di differenza generazionale sia di persone che provengono da contesti sociali e familiari molto diversi.

Tuttavia, la sceneggiatura di Liz Tigelaar s’inclina sempre verso uno scontro sbilanciato di valori cultura / razza / classe / famiglia in cui il ruolo di Elena come il cattivo della storia è piuttosto ovvio agli occhi dello spettatore. 

O, almeno, il design del personaggio si adatta troppo bene a quello di una donna bianca privilegiata che crede di salvare il mondo aiutando altezzosamente persone che non sono come lei.

Sappiamo fin da subito che i sospetti di Elena non sono infondati e che Mia ha un passato nascosto.

Ma sia nei momenti di confronto sia nei momenti più di vita familiare, il peso dell’empatia fugge dal personaggio della Witherspoon per ricadere ancora e ancora negli obiettivi delle sue piccole battaglie (sia con Mia sia, ad esempio, con sua figlia. Isy).

In un altro tipo di storia, questo non darebbe fastidio, ma in Little Fires Everywhere rimane forse una semplificazione di qualcosa di più grande. 

Perché nella serie navighiamo attraverso piccoli fuochi fatti di segreti, bugie, atteggiamenti e circostanze che si accumulano.

Quest’apparente mancanza d’imparzialità fa sì che, conoscendo l’incendio che ha dato inizio alla serie, non ci chiediamo tanto il perché ma piuttosto ci stiamo informando su quale deve essere stata la goccia (di benzina) che ha riempito il bicchiere e vediamo i personaggi attraverso un determinato e determinante falso senso di scelta.

Nonostante queste imperfezioni, Little Fires Everywhere è un dramma che trasuda potere nella sceneggiatura ed è pieno di momenti memorabili in cui il cast brilla e offre prestazioni superbe. 

Piccoli fuochi si fonderanno rapidamente in una fiamma travolgente, e anche se questa è la prima scena della serie, questo adattamento continua ad ardere del suo stesso fuoco.

Valerio Sembianza

Eccovi il Trailer

Related posts

The A-List – La Recensione

giubors

Le Terrificanti avventure di Sabrina

giubors

Netflix – The Eddy, nel cast André Holland

giubors

Leave a Comment

* Questa casella è richiesta

*

Accetto