Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!

Ozark

<
[Voti: 2    Media Voto: 4.5/5]

 

Di Valerio Sembianza

Ozark è una serie televisiva statunitense che ha debuttato il 21 luglio 2017 in tutti i paesi in cui il servizio on demand Netflix è disponibile.

Il 15 agosto 2017 Netflix rinnova la serie per una seconda stagione di dieci episodi, uscita il 31 agosto 2018.

Gli echi di “Breaking Bad” diventano ancora più evidenti nella seconda stagione di Ozark, serie che ruota attorno ad una coppia che scende sempre più in basso nella tana del coniglio verso la criminalità, nonostante gli inutili sforzi per rimanere all’apparenza onesti.

Sebbene si sia lontano dal trovare un capolavoro, l’intensa seconda stagione consolida lo status della serie come godibile e fruibile ai più.

Jason Bateman e Laura Linney sono tornati nei ruoli di Marty e Wendy Byrde, la cui sfortunata associazione con un cartello della droga li ha fatti atterrare in un villaggio turistico nelle Ozark del Missouri.

Ma come ha indicato la fine insanguinata e sorprendente della prima stagione, i giorni di Marty come manager del riciclaggio di denaro stanno lasciando il posto a un nuovo percorso di carriera, un percorso destinato a testare la mente agile e angosciante di cui avrà ripetutamente bisogno affrontando una situazione pericolosa dopo l’altra.

La grande idea questa volta è quella di filtrare tutti i guadagni illeciti attraverso un casinò, apparentemente la macchina perfetta per riciclare denaro, e forse anche per moltiplicarlo.

Ahimè, questo porta semplicemente i Byrdes in contatto con una nuova schiera di personaggi sgradevoli, mentre sfilaccia i loro legami familiari, allenta le alleanze e le lealtà e non risparmia abbondanza di danni collaterali.

Raddoppiandosi come produttore e protagonista oltre che come regista occasionale, Bateman è perfettamente adatto a interpretare questo tipo di personaggio con cui è facile identificarsi ma è sempre più difficile tifare a favore.

Purtroppo in Ozark sono presenti troppi echi di spettacoli precedenti per poter avere un tocco di freschezza, tuttavia la sceneggiatura è generalmente fantasiosa su come dipanare le grinze di un plot che durante la stagione porta la storia a essere sempre più dark e avvincente e ponendo le basi di una successiva terza stagione.

Tutto sommato, questo rende Ozark il tipo di franchise che Marty probabilmente abbraccerebbe, il tipo di aggiunta al vasto portafoglio di Netflix che offre agli spettatori più esigenti un solido ritorno sull’investimento.

 

 

 

.

 

 

Leave a Comment

Your email address will not be published.