Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!

Papa Francesco – Uomo Di Parola

[Voti: 2    Media Voto: 4/5]

Di Andrea Persi

Wim Wenders racconta Papa Francesco. Il regista che ha saputo coniugare la nouvelle vague francese con l’espressionismo tedesco e il Papa che ha unito, anche la tradizione più rigida del dogma cattolico di stampo gesuita con la spontaneità e la semplicità dell’insegnamento di S. Francesco. Al cinema in esclusiva il 4-5-6 e 7 ottobre la lunga intervista del cineasta tedesco al Pontefice, realizzata grazie anche alla collaborazione di David Rosier (Il sale della terra) come co-sceneggiatore, Lisa Rinzler (Pollock, Buena vista sociale club) alla fotografia e Laurent Petitgand (Così lontano, così vicino) alle musiche, ci parla dei 5 anni trascorsi dall’elezione del 13 marzo 2013 attraverso le parole dello stesso Bergoglio e gli eventi più significativi del suo pontificato, come il discorso davanti al Congresso degli Stati Uniti e la pubblicazione della controversa enciclica Laudato Si’, incentrata sulla tutela dell’ambiente.

Nonostante il tono didascalico e celebrativo in cui Wenders, che si ritaglia anche il ruolo di voce narrante in italiano, si lancia in paragoni alquanto eccessivi tra l’attuale successore di Pietro e l’omonimo Santo di Assisi, il documentario ben evidenzia gli scopi della missione pastorale di Francesco, per un mondo in cui prevalgano la fratellanza e l’umiltà e le grandi difficoltà sia fuori che dentro una Chiesa, sfregiata dallo scandalo della pedofilia, il cui messaggio pastorale, ad esempio sulla famiglia basata esclusivamente tra uomo e donna e sull’omosessualità, ben difficilmente sembra potersi conciliare con un mondo per certi versi più avanti e per altri, si veda la sofferta questione dei migranti, più arretrato rispetto al suo insegnamento.

Il cineasta tedesco perde l’occasione per un racconto sincero e schietto, probabilmente artisticamente e socialmente più utile, per celebrare in maniera molto poco francescana il Papa venuto dalle lontane Americane. Interessante, ma solo se letto tra “righe” della retorica.

Leave a Comment

Your email address will not be published.