17.9 C
Napoli
Novembre 28, 2020
Netflix Recensioni

Stateless – La Recensione

Stateless è una serie televisiva australiana lanciata su ABC l’1 marzo 2020.I sei episodi sono stati pubblicati su Netflix l’8 luglio 2020.

La serie è in parte ispirato alla storia vera di Cornelia Rau , un’australiana che è stata illegalmente detenuta dal governo australiano attraverso il programma di detenzione obbligatoria. I crediti di ogni episodio recitano che non è solo “basato su un’idea di Cate Blanchett “, ma che è” ispirato da eventi reali. Quest’ultima parte è verificabile senza dover conoscere i dettagli esatti che l’hanno ispirata, poiché la sua rappresentazione della vita all’interno di un campo profughi in Australia è come un microcosmo per una crisi universale.

Diretta da Emma Freeman e Jocelyn Moorhouse con tre episodi ciascuno, questa cupa miniserie di sei episodi riguarda i prigionieri ma soprattutto i loro rapitori.

È coinvolgente con il suo cinema, con la sua macchina da presa manuale e l’amore per un buon primo piano che spesso intrappola lo spettatore nei dintorni sudati del suo immaginario campo profughi australiano, il Barton Immigration Detention Center.

Ma soprattutto si pone come un incoraggiante promemoria per i nostri tempi di attenzione stanchi e sovraccarichi.

La serie è un incubo magistralmente raccontato e recitato con forza sulla vita in uno sporco limbo burocratico.

Vivendo nello squallore, i detenuti hanno storie strazianti; un vecchio siede stoicamente con la sua valigia in mezzo al cortile in attesa di un ingresso legale in Australia che non arriva mai, le semplici richieste di due tamil che protestano su un tetto rovente non vengono mai soddisfatte e mentre una giovane donna viene trascinata fuori da Barton e destinata alla deportazione, grida:

“Sono curda. Sono stata violentata e torturata in Iran… Sopravviverò alla tua tortura qui. Qual è il mio crimine? ” Stateless è una delle poche opere che affronta uno dei problemi più urgenti del pianeta.

In un’intervista Cate Blanchett, ambasciatore di buona volontà dell’Alto Commissariato delle

Nazioni Unite per i rifugiati, ha affermato che “il titolo della serie si riferisce all’apolidia in un

senso più poetico, non in un senso fisico e legale. Riguarda più l’identità e la perdita dell’identità

delle persone quando devono affrontare una detenzione a lungo termine, quando diventano un numero, quando vengono dislocate da punti chiave della loro vita come la casa e la cultura, e separate dalle loro famiglie . “

Continua, sottolineando che i rifugiati “non hanno un’identità legale, il che ha ovvie conseguenze sulla loro capacità di godere dei diritti umani fondamentali”.

Stateless non è comunque un trattato generale sull’immigrazione e sui centri di detenzione.

E’ davvero un dramma che ti trascinerà dentro, e che parla di persone specifiche che affrontano l’angoscia su entrambi i lati del recinto, un reale recinto di filo spinato.

Valerio Sembianza

Eccovi il trailer

 

 

 

Related posts

Buon quel che vi pare

giubors

The OA

giubors

The Rain

giubors

Leave a Comment

* Questa casella è richiesta

*

Accetto