17.9 C
Napoli
Novembre 28, 2020
Film Netflix

Sto pensando di finirla qui – La recensione

Le persone che non hanno familiarità con il lavoro dello scrittore / regista Charlie Kaufman non saranno completamente preparate per l’eccentrico viaggio mentale che è questa sua ultima opera.

Pertanto, chiunque guardi Sto pensando di finirla qui (che Kaufman ha adattato dall’omonimo romanzo di Iain Reid) dovrebbe sapere in anticipo che non sarà una storia raccontata in modo semplice e che i personaggi lo faranno nel modo più bizzarro possibile.

Il film inizia dando l’impressione che sarà raccontato dalla prospettiva di un personaggio, ma poi finisce per essere la storia di un altro personaggio.

In altre parole, può essere consigliato solo a persone che sono disposte a fare un giro che non apparirà logico, ma trasmetterà un’atmosfera e catturerà gli stati d’animo.

La realtà frammentata di Sto pensando di finirla qui presenta domande di verità, tempo e onestà emotiva e poche risposte.

Alcuni troveranno questo viaggio intrigante e lo seguiranno nella tana del coniglio, dove attendono ancora altre domande.

Per altri, Sto pensando di finirla qui sarà l’esperienza visiva più frustrante dell’anno.

Entrambi sono probabilmente ciò che lo scrittore-regista Charlie Kaufman si proponeva di ottenere. Ha esplorato i confini esterni della condizione umana per più di due decenni, con vari gradi di successo; “Se mi lasci ti cancello” (ancora rabbrividisco alla traduzione italiana del titolo) è emotivamente crudo e riconoscibile quanto “Synecdoche, New York” è impenetrabile.

Sto pensando di finirla qui arriva da qualche parte nel mezzo.

È un paesaggio onirico surreale dove il tempo si ripiega su se stesso, l’identità è fluida e tutti stanno vivendo un certo livello di crisi esistenziale.

Ma i suoi percorsi conducono solo a più percorsi, e alla fine si rompe sul lato della strada, dove le luci posteriori lampeggiano nel vuoto.

Qui, l’attenzione di Kaufman è una giovane donna (Jessie Buckley) che presto ci informa, in voce fuori campo, che sta pensando di porre fine alle cose.

Esce con Jake (Jesse Plemons) da circa sei settimane e stanno andando a incontrare i suoi genitori (Toni Collette e David Thewlis) nella fattoria della sua famiglia, ma non si trattengono a lungo, perché lei deve tornare a casa e c’è una bufera di neve in arrivo. 

I segnali acustici sottolineano i glitch nella matrice o che tutto non è realmente al posto giusto.

All’inizio, Jake sente la giovane donna – è così che il personaggio di Buckley viene identificato nei titoli di coda, sebbene nel film sia conosciuta alternativamente come Lucy e Louisa – parlare da sola. 

I genitori di Jake invecchiano e diminuiscono rapidamente di scena in scena. 

Un cane appare e scompare altrettanto rapidamente. 

Niente, letteralmente, ha senso (quantomeno lineare).

Kaufman cancella allegramente la banalità delle chiacchiere; i convenevoli scambiati a tavola si trasformano in un gioco farsesco sull’inanità dell’interazione umana.

Successivamente rivolge il suo obiettivo a Hollywood: un mini-film all’interno del film richiama un certo regista di grande nome; usa scatti di tracciamento ampi dove sarebbero sufficienti scatti semplici e concisi e una conversazione su “A Woman Under the Influence” si trasforma nel personaggio di Buckley, parola per parola, recitando la recensione del film di Pauline Kael. 

Ci sono anche discussioni su William Wordsworth, David Foster Wallace, “Baby It’s Cold Outside” e “Oklahoma!” 

Ma a che scopo? 

L’enigma di Sto pensando di finirla qui è il suo stesso enigma e cercare di svelarlo è come entrare in un buco nero o guardare un cane che s’insegue la coda. 

Buckley e Plemons, sempre una presenza formidabile, sono entrambi eccellenti, ma l’intero loro percorso nel film è un indovinello irrisolvibile in cui l’unica risposta è la disperazione dell’umanità.

Valerio Sembianza

Eccovi il trailer

 

 

Related posts

Netflix – Disincanto, nuovi episodi in arrivo nel 2019, 2020 e 2021

giubors

The Rain

giubors

The Haunting of Hill House

giubors

Leave a Comment

* Questa casella è richiesta

*

Accetto