11.4 C
Naples
16 Dicembre, 2019
Netflix Recensioni Serie tv

The I-Land-La Recensione

The I-Land è una miniserie televisiva statunitense creata da Neil LaBute.

È stata distribuita sulla piattaforma di streaming Netflix il 12 settembre, in tutti i paesi in cui il servizio è disponibile.

Il classico scenario “arenato su un’isola” è di quelli che trascendono il tempo e il mezzo, con diverse varianti che si fanno strada sia su schermi grandi sia piccoli.

Lost è forse la versione più famosa di questo concetto, che, insieme a The Twilight Zone, spinge questa nuova serie.

The I-Land segue dieci personaggi che si svegliano su un’isola senza ricordare il loro passato.

Si battono per la sopravvivenza e cercano di imparare esattamente come sono arrivati ​​lì, prima che la protagonista della serie (interpretata da Natalie Martinez ) scopra rapidamente che c’è di più sull’isola di quanto sembra.

La serie combina thriller con fantascienza e implementa alcuni temi filosofici, creando un’aggiunta eclettica al catalogo di Netflix.

Inizierò dicendo che credo che The I-Land sia una serie con troppe mancanze per apprezzare appieno tutte le idee che sta tentando di ritrarre, non sembra avere le qualità che hanno reso valide altre serie di Netflix, tuttavia, ha molto che funziona a suo favore.

I concetti dello spettacolo sono interessanti e stimolanti.

The I-Land approfondisce la filosofia dell’essere e cerca di scoprire se le persone sono legate al proprio destino e si apprezzano quindi le domande che lo spettacolo continuamente cerca di porre.

La serie quindi susciterà un certo interesse, ma il problema è che lo spettacolo non lascia il pubblico in sospeso o in grado di riflettere su queste idee, a volte lasciandosi leggere come un manoscritto o essendo troppo veloce per essere compreso prima ancora di essere digerito.

Oltre a ciò che lo spettacolo propone, direi che una delle qualità più forti dello spettacolo è il suo design di produzione e la cinematografia.

The I-Land è meravigliosamente girato, con un lavoro fotografico straordinario per catturare alcune meraviglie naturali.

Il design dello spettacolo ha inoltre contribuito a creare alcune scene affascinanti che danno allo spettacolo un certo bagliore visivo.

I problemi di stimolazione, probabilmente sono dovuti alla durata di soli sette episodi.

Lo spettacolo non ha sofferto drasticamente a causa di questo, ma sarebbe potuto essere migliorato con più episodi ad arricchire la sua storia o se fosse stato condensato in un singolo episodio come quello di Black Mirror.

Queste due opzioni possono sembrare lontane l’una dall’altra, ma riordinare la struttura dello spettacolo avrebbe potuto dimostrarsi vantaggioso per i concetti a portata di mano, poiché anche singoli episodi di Black Mirror hanno dimostrato di avere una profondità immensa.

Nella seconda metà della stagione, verso l’episodio cinque, lo spettacolo migliora con lo sviluppo dei personaggi e i dialoghi; non è un miglioramento entusiasmante, ma sicuramente uno che vale la pena considerare.

Proprio come quello di una fuga promettente, The I-Land è sorprendente all’esterno con molto meno da offrire all’interno.

La serie esplora coraggiosamente concetti e generi che sono almeno interessanti, ma una volta che l’interesse se ne va ci viene data una serie melodrammatica che poco ha da offrire.

In definitiva, l’apertura di Netflix a consentire ai registi di essere sperimentali ed esplorare concetti diversi è lodevole, e anche solo per questo dovremmo essere grati.

Valerio Sembianza 

 

Related posts

NETFLIX annuncia il cast di THE WITCHER

giubors

La Casa di Carta Parte 4 debutterà su NETFLIX il 3 aprile 2020

giubors

Glass

giubors

Leave a Comment