18.1 C
Naples
Ottobre 16, 2019
Netflix Serie tv

Unbelievable 

Unbelievable è una miniserie televisiva statunitense creata, diretta, prodotta e sceneggiata da Susannah Grant.

La miniserie è stata distribuita il 13 settembre 2019 sulla piattaforma Netflix

Ispirata a fatti realmente accaduti, la miniserie racconta la storia di Marie, un’adolescente accusata di mentire sulla violenza subita da uno sconosciuto che si è introdotto nella sua abitazione. Il caso sarà seguito da due detective donne che attraverseranno un percorso tortuoso per arrivare alla verità.

Con la sua ex madre adottiva al suo fianco, la diciottenne Marie Adler dice alla polizia di Washington che un uomo è entrato nel suo appartamento nel cuore della notte, l’ha legata e aggredita.

Ma dopo che i suoi più stretti confidenti esprimono riserve sulla sua affidabilità, i poliziotti “costringono” Marie – una sopravvissuta all’abuso che ha trascorso la maggior parte della sua infanzia in affidamento – a ritrattare e poi la accusano di aver presentato una falsa testimonianza.

Tre anni dopo, in Colorado, una coppia di investigatrici ( Toni Collette e Merritt Wever)  notano somiglianze tra due casi violenti di stupro che, come impareranno in seguito, assomigliano anche a quello di Marie  e uniscono le loro indagini.

Sembra troppo inventato anche per una serie cosi costosa, una storia in cui uomini insensibili e mal addestrati per un delicato caso di aggressione sessuale, con conseguenze devastanti per una giovane donna che vive ai margini della società, solo per arrivare a una squadra di donne più intelligenti, più esperte ed empatiche per ripulire il loro pasticcio.

Anni di ricerche sui casi di stupro hanno, inoltre, sfatato l’errata percezione che la maggior parte degli aggressori siano estranei con coltelli in vicoli bui o invasori domestici che si arrampicano nelle camere da letto attraverso finestre aperte.

Eppure incredibilmente questo strabiliante docudrama di Netflix di otto episodi in realtà si tiene straordinariamente vicino ai fatti di un caso reale.

Basato su un articolo del 2015 e vincitore del Premio  Pulitzer,  si rivela un accurato studio del meglio e del peggio delle forze dell’ordine americane.

Scritta  dalla showrunner Susannah Grant ( Erin Brockovich ), la sceneggiatura confida che gli spettatori capiscono non solo perché la maggior parte dei personaggi femminili hanno una profonda familiarità con aggressioni o abusi sessuali, ma anche perché sembra che, da queste prove, debbano guarire da soli.

Una scuderia di registi gestisce con sincerità le realtà forensi dei casi di stupro senza sensazionalizzare gli atti a questi collegati.

I sopravvissuti raccontano le loro storie e vedere gli attacchi attraverso i loro occhi significa avere un senso viscerale del loro terrore.

Se Marie è il cuore pulsante dello spettacolo, allora Grace Rasmussen e Karen Duvall (le due investigatrici) sono la sua coscienza.

È nella storia della loro collaborazione che gli scrittori sembrano aver preso la licenza più creativa, eppure i personaggi suonano estremamente veri.

Lo spettacolo può far dialogare le statistiche didattiche, mettendo a tacere i dialoghi e ripetendo punti facilmente deducibili su come la polizia tende a fallire nelle indagini sullo stupro.

La sottigliezza viene dagli attori, non dai loro dialoghi.

Valerio Sembianza 

Related posts

Allegiance

giubors

Iron Fist – la seconda stagione

giubors

La Casa Di Carta Parte 3

giubors

Leave a Comment